Dimensioni testo:


Copyright


I testi contenuti sulle pagine di questo sito sono di proprietà dei rispettivi autori. Non si intende violare alcun copyright.

La Legge n. 159 del 22 maggio 1993 ne consente l'uso solo per attività didattica, di studio e di ricerca.

Legislazione sul diritto d'autore (L.633 del 22 aprile 1941).
L'art. 65 di tale legge sancisce che gli articoli di attualità sono riproducibili liberamente se viene citata la fonte, la data di pubblicazione e l'autore e se la copia non è stata espressamente vietata.
L'art. 70 della suddetta legge prevede inoltre che "il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera per scopi di critica di discussione ed anche di insegnamento, sono liberi nei limiti giustificati da tali finalità e purchè non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera".
In tutti gli altri casi è necessaria l'autorizzazione dell'autore.

Con il Decreto legislativo n. 68 del 9 aprile 2003, emanato in attuazione della direttiva 2001/29/CE "sull'armonizzazione di taluni aspetti del diritto d'autore e dei diritti connessi nella società dell'informazione", sono state introdotte rilevanti novità nel corpo della legge n. 633/1941 sul diritto d’autore.
L'articolo 65 della legge n. 633/1941 è stato così modificato: "Gli articoli di attualità di carattere economico, politico o religioso, pubblicati nelle riviste o nei giornali, oppure radiodiffusi o messi a disposizione del pubblico, e gli altri materiali dello stesso carattere possono essere liberamente riprodotti o comunicati al pubblico in altre riviste o giornali, anche radiotelevisivi, se la riproduzione o l'utilizzazione non è stata espressamente riservata, purché si indichino la fonte da cui sono tratti, la data e il nome dell'autore, se riportato. [...]."
L'articolo 70 della legge n. 633/1941 ha subito un significativo ritocco che allarga la libertà di critica e di discussione collegata all'impiego di parti o brani di parti di opere dell'ingegno: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali. [...] 3. Il riassunto, la citazione o la riproduzione debbono essere sempre accompagnati dalla menzione del titolo dell'opera, dei nomi dell'autore, dell'editore e, se si tratti di traduzione, del traduttore, qualora tali indicazioni figurino sull'opera riprodotta."